Lunedì 15 aprile 2019, alle 9.00, parte a Tricase (LE) il corso obbligatorio per “Gestori e personale operante nelle sale giochi e nei locali con apparecchiature per il gioco d’azzardo lecito” ex art. 7 comma 5 della Legge Regionale n. 43/2013 sul “Contrasto alla Diffusione del gioco d’azzardo Patologico (GAP)”.

La Regione Puglia infatti, con la legge n. 43/2013, ha imposto l’obbligo per gli esercizi commerciali operanti nel comparto dei giochi e delle scommesse, di frequentare uno specifico corso sul “Rischio del gioco Patologico” al fine di poter supportare in maniera adeguata i clienti che presentano sintomatologie da gioco patologico.

Il corso di formazione è obbligatorio per il titolare e tutto il personale operante nelle sale da gioco (case da gioco, sale bingo, ricevitorie, agenzie ippiche, sale slot, ecc.), nonché per i titolari di qualsiasi altra attività commerciale con all’interno “slot machine” (bar, tabaccherie, edicole, ecc.).

Il corso della durata di 12 ore, organizzato da Confesercenti Lecce ed autorizzato con Delibera della Giunta Comunale di Tricase n.147 del 31.05.2018 e di Miggiano n.6 del 01.02.2019, si terrà a Tricase presso le Scuderie di Palazzo Gallone, Piazza Vittorio Emanuele.

Le lezioni si terranno lunedì 15, mercoledì 17 e venerdì 19 aprile dalle ore 9.00 alle ore 13.00.

Il corso è tenuto da docenti specializzati ed al termine verrà rilasciato un attestato secondo il modello regionale. L’inosservanza delle disposizioni è punita con una sanzione amministrativa pecuniaria da € 6.000 a € 10.000, nel caso di reiterazione delle violazioni, si applica la sanzione accessoria della sospensione temporanea dell’attività da 10 a 60 giorni (art.7, comma 8 L.R. n.43/2013).

Il costo della partecipazione al corso è di € 100 (IVA inclusa).

Gli esercenti possono richiedere il modulo di iscrizione presso gli uffici dei Comuni interessati.

Gli uffici di Confesercenti sono a disposizione per ulteriori informazioni, oltre che per la prenotazione del corso: tel. 0832.241204 – cell. 3388647887 [email protected] Rif. Dott. Massimiliano Danese

Commenta su Facebook