A testa alta alcuni lettori criticano le scelte del governo sulle mancate riaperture per il gioco pubblico.

Cristofaro: “L’unico svago che avevo l’hanno levato, svegliateci da questo incubo. Per me era un passatempo, un divertimento, spero che si possa presto tornare a giocare, sempre con moderazione”.

Youssef: “Salve, chiedo allo Stato di far partire il gioco perché la sicurezza e la distanza possono essere garantite”.

Christian: “Qui in Trentino ci sono sale slot enormi dove si potrebbero far rispettare le norme anticontagio senza molti problemi. Non vedo perché stanno cercando una marea di scuse. Ricordo ai politici non amanti del settore che i loro stipendi vengono anche da lì”.

Maurizio: “Si vede che lo Stato non ha ancora bisogno di tutti quei soldi che tramite tasse già strangolano le sale slot”.

Lorenzo: “Vogliono che il gioco illegale dilaghi, ebbene sì. È una vergogna”.

SE HAI DA DIRE QUALCOSA ANCHE TU, VUOI RACCONTARE LA TUA STORIA DI LAVORATORE DEL GIOCO LEGALE, INVIA UNA EMAIL A [email protected]

o un messaggio via facebook alla pagina Jamma-Il quotidiano del Gioco

Ricordati di indicare il tuo nome