A testa alta Mario, dipendente di una sala slot a Salerno, esprime tutto il suo disappunto per i continui aumenti di tassazione che la politica ‘regala’ da anni ormai al comparto e chiede che si pensi al più presto alla riapertura delle attività di gioco.

“Sono Mario, dipendente di una nota sala slot e vlt di Salerno e sono veramente indignato di quello che il governo o il signor Crimi (M5S) possa pensare di noi, siamo il settore più tassato e devastato del sistema gioco. Siamo ridotti all’osso e nonostante ciò si pensa ancora di tassare e tassare fin quando non si deciderà di non aprire più, dopodiché vedremo lo Stato dove prenderà i dannati soldi di questo settore. A niente sono servite le proteste a Roma fatte in passato.

Siamo un settore come gli altri, che non evade, che paga fino all’ultimo soldino e che produce miliardi di euro quindi non siamo da poco. La presidenza del Consiglio dei Ministri deve pensare che come ci ha obbligati a chiudere insieme a bar, ristoranti, parrucchieri etc così deve farci riaprire perché non possiamo aspettare un’altra fase, ci sono molte famiglie senza lavoro. C’è tutta la collaborazione alla prevenzione di questo nemico che ci affligge quindi si chiede un intervento rapido alla riapertura delle attività di sala bingo, slot, vlt, scommesse etc..”.

SE HAI DA DIRE QUALCOSA ANCHE TU, VUOI RACCONTARE LA TUA STORIA DI LAVORATORE DEL GIOCO LEGALE, INVIA UNA EMAIL A [email protected]

o un messaggio via facebook alla pagina Jamma- Il quotidiano del Gioco

Ricordati di indicare il tuo nome