A testa alta Mariagrazia, dipendente in sala bingo, racconta la sua storia.

“Sono Mariagrazia e sono dipendente della sala bingo ‘Modernissimo’ a Salerno, ho letto le lettere di diverse colleghe che come me sono mogli e madri e che con tanti sacrifici lavorano nel settore gioco. Mi sento di dire anche io la mia visti gli innumerevoli attacchi a cui siamo sottoposti come settore, soprattutto dopo aver letto le dichiarazioni dell’On. Crimi (M5S), se Onorevole si può chiamare un individuo che come lavoro fa il parlamentare addormentato! Bene io credo che si possa partire proprio da questo per capire che chi ci sta giudicando non conosce nulla del nostro settore (dorme anche su questo). Bene signor Crimi le volevo illustrare meglio di cosa ci occupiamo noi. È chiaro che offriamo un servizio di gioco e di intrattenimento, la nostra clientela è per lo più anziana, viene nelle nostre sale perché è spesso sola e abbandonata. Dopo 18 anni di esperienza posso assicurarle che non solo viene per giocare, ma anche per intraprendere relazioni sociali e nello stesso tempo divertirsi, svagarsi, mangiare qualcosa in compagnia. Dopo tanti anni siamo diventati una famiglia per queste persone. Oggi siamo visti come un settore criminale, bhè io non ci sto! Questo settore ha generato migliaia di posti di lavoro. La mia azienda “Codere” è una multinazionale che ha investito anche in Italia che paga i suoi dipendenti regolarmente e con puntualità, paga le tasse con le quali il governo sta pagando pensioni e reddito di cittadinanza agli italiani; paga le visite mediche periodiche ai propri dipendenti, offre corsi di aggiornamento costanti, raccoglie fondi per l’Ail e organizza cene solidali in favore dei maltrattamenti alle donne. Questo “mostro” che state dipingendo se conosciuto fino in fondo potrete capire che non è per nulla un mostro. Invito pertanto il signor Crimi non appena sarà passata l’emergenza a visitare le nostre sale prima di dare aria alla bocca!”.

SE HAI DA DIRE QUALCOSA ANCHE TU, VUOI RACCONTARE LA TUA STORIA DI LAVORATORE DEL GIOCO LEGALE, INVIA UNA EMAIL A [email protected]

o un messaggio via facebook alla pagina Jamma-Il quotidiano del Gioco

Ricordati di indicare il tuo nome