A testa alta Giuseppe, titolare di due centri scommesse, protesta contro l’atteggimento discriminatorio tenuto da banche e Governo. “Salve mi chiamo Giuseppe, sono titolare di 2 agenzie Goldbet a Caltanissetta e lavoro in questo settore da tantissimi anni. Ci siamo…

Per leggere questo articolo

Accedi o registrati

Articolo precedenteA TESTA ALTA. “Noi per voi siamo niente, ma il lavoro è un diritto di tutti”. La rabbia di Erika, dipendente in sala bingo a Civitavecchia (RM)
Articolo successivoA TESTA ALTA. “Abbiamo bisogno di lavorare”. La lettera di Antoaneta, dipendente in sala bingo a Roma