A testa alta Vincenza ricorda come giocare sia nella maggior parte dei casi solo un passatempo per svagarsi un po’.

“Io sono una giocatrice e vorrei dire la mia. In questa vita ho visto di tutto, ma quello che è successo in questi giorni è a dir poco incredibile e inaccettabile. Ogni lavoro ha la sua importanza e dico fortemente che tutti hanno diritto al lavoro. Io non vado al cinema e non gioco al lotto, ho solo una passione come tanta gente. Quello che cerco è solo un po’ di svago, al sicuro, spero che i locali di gioco vengano riaperti al più presto”.

SE HAI DA DIRE QUALCOSA ANCHE TU, VUOI RACCONTARE LA TUA STORIA DI LAVORATORE DEL GIOCO LEGALE, INVIA UNA EMAIL A [email protected]

o un messaggio via facebook alla pagina Jamma-Il quotidiano del Gioco

Ricordati di indicare il tuo nome