A testa alta Fabio, titolare di una sala scommesse, sottolinea quanto sia ipocrita questa guerra senza esclusione di colpi riservata al settore del gioco. “Ragazzi, una cosa è certa, se levano l’azzardo come lo chiamano loro, quello fatto nei centri…

Per leggere questo articolo

Accedi o registrati