A testa alta Alberto ricorda quanto sia importante il lavoro di chi sta nelle sale giochi per combattere la ludopatia.

“Bisognerebbe spiegare a Crimi (M5S) che i primi che combattono e spiegano la ludopatia, e che inoltre parlano con i clienti che vanno nelle sale slot a giocare, sono tutti i dipendenti delle suddette sale che offrono gratuitamente un servizio senza nessuna remunerazione di genere ma con grandi grazie per aver portato a ragione i giocatori che eccedono, per avergli aperto gli occhi. In questi luoghi lo scopo principale è passare il tempo con divertimento. Peccato. Anch’io pensavo che questo movimento esperto in partecipazioni aziendali fosse diverso dagli altri”.

SE HAI DA DIRE QUALCOSA ANCHE TU, VUOI RACCONTARE LA TUA STORIA DI LAVORATORE DEL GIOCO LEGALE, INVIA UNA EMAIL A [email protected]

o un messaggio via facebook alla pagina Jamma-Il quotidiano del Gioco

Ricordati di indicare il tuo nome