Camera dei Deputati
A testa alta Umberto e Luigi, giocatore e lavoratore nel settore, dicono la loro contro l’atteggiamento del Governo nei confronti del comparto.

Umberto: “Volete mettere tutti gli italiani che amano il gioco in un istituto di rieducazione? Noi vogliamo spendere i nostri soldi come ci pare e ci costringete a giocare online con organizzazioni nei paradisi fiscali. Educare è un buon proposito. Proibire è controproducente!”.

Luigi: “Noi lavoratori con un prodotto che ci ha venduto ieri lo Stato lo stesso Stato oggi lo riconosce illegale. Siete ridicoli, state solo tutelando le vostre promesse elettorali, vergognatevi. Approfondite di più il rispetto degli italiani onesti che lavorano”.

SE HAI DA DIRE QUALCOSA ANCHE TU, VUOI RACCONTARE LA TUA STORIA DI LAVORATORE DEL GIOCO LEGALE, INVIA UNA EMAIL A [email protected]

o un messaggio via facebook alla pagina Jamma-Il quotidiano del Gioco

Ricordati di indicare il tuo nome