A testa alta Giuseppe, lavoratore nel settore giochi, esprime tutte le sue preoccupazioni per le conseguenze dovute alla pandemia.

“Mi chiamo Giuseppe e sono dipendente da 22 anni di una società che gestisce il gioco legale. Una domanda mi faccio: come si fa a dire che oggi ci si arricchisce con il gioco legale? Anche i somari sanno che si porta via tutto lo Stato. Io grazie a questo lavoro riesco a mantenere una famiglia di 4 persone ma se la situazione non cambia la vedo grigia perché l’azienda per la quale lavoro è chiusa da oltre 2 mesi e ha delle spese fisse per affitti e noleggi”.

Advertisement

SE HAI DA DIRE QUALCOSA ANCHE TU, VUOI RACCONTARE LA TUA STORIA DI LAVORATORE DEL GIOCO LEGALE, INVIA UNA EMAIL A [email protected]

o un messaggio via facebook alla pagina Jamma-Il quotidiano del Gioco

Ricordati di indicare il tuo nome