Print Friendly, PDF & Email

 

Domani, 9 giugno, Sogei aprirà le porte ai figli dei dipendenti aderendo nuovamente all’iniziativa “Bimbi in ufficio con mamma e papà” promossa, a livello nazionale, dal Corriere della Sera.

In occasione di questa giornata, il campus di Sogei si trasformerà in un luogo di condivisione familiare, in cui i giovani ospiti, dopo aver visitato l’ufficio di mamma e papà, saranno coinvolti nelle tante attività di carattere ludico e ricreativo ideate per fasce di età e attraverso le quali daranno spazio a inventiva, estro e immaginazione. Potranno fare una caccia al tesoro o una lezione di yoga sul prato, dipingere e ballare o assistere a un seminario sul mondo digitale. Come nelle edizioni precedenti, per i più grandi sarà possibile aderire alla visita guidata al Centro Elaborazione Dati e al Totalizzatore di Sogei.

Quest’anno la festa si arricchirà di una nuova iniziativa – la premiazione per i “Best in class” – rivolta ai figli dei dipendenti neodiplomati e studenti universitari che Sogei, nell’ambito dei progetti di welfare, vuole sostenere nell’avvio e nella prosecuzione del loro percorso di istruzione accademica con l’assegnazione di un contributo economico. I vincitori del premio si ritroveranno in questa occasione per festeggiare tutti insieme e per ricevere le congratulazioni del Presidente e Amministratore delegato, Cristiano Cannarsa.

“Il 9 giugno è un giorno di festa – commenta Cannarsa – in cui la presenza di bimbi, genitori e colleghi rappresenta una bella occasione per confermare e rafforzare le relazioni fra le persone di Sogei. Questo evento produce, infatti, un forte impatto positivo sulla cultura organizzativa e sull’integrazione in quanto frutto del lavoro dei dipendenti che si sono offerti volontari per le attività di accoglienza e intrattenimento”.
“Vorremmo avvicinare i ragazzi al nostro mondo – prosegue l’AD di Sogei – cercando di divertirli e appassionarli e, per questa ragione, il fil rouge della festa sarà la creatività, tema in linea con l’innovazione che è uno dei nostri valori aziendali e che ispirerà tutte le attività che allieteranno i nostri figli”.

Commenta su Facebook