Giovanni Emilio Maggi, Chief Institutional Affairs & Communication Officer di Sisal, ha raccontato in un’intervista a Il Messaggero la centralità del gioco responsabile all’interno della nostra strategia di sostenibilità: un programma portato avanti assieme a tutte le funzioni aziendali e che prevede il coinvolgimento di autorevoli partner scientifici.

“Nel 2022 il programma ha subito un’ulteriore accelerazione, entrando nel vivo dell’operatività attraverso tavoli di lavoro interni per integrare sempre più nel business azioni e strumenti tesi a prevenire gli eccessi. Abbiamo inoltre adottato strumenti di ricerca scientifici, avvalendoci di enti terzi come l’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano”.

Articolo precedenteADM. Cagliari: sequestrati tre apparecchi da gioco irregolari con doppia scheda
Articolo successivoNovara. Controlli della Polizia di Stato su 10 sale giochi, una sanzione per la presenza di personale non autorizzato