Generali Real Estate dà oggi il benvenuto in Bassi Business Park a SISAL, prima azienda ad inaugurare il proprio innovativo headquarter nell’importante complesso in fase di completa riqualificazione nell’area di Porta Nuova a Milano.

Bassi Business Park: una location strategica pronta per il futuro

La riqualificazione di Bassi Business Park è stata avviata nel 2019 da Generali Real Estate, gestore del complesso per conto del fondo immobiliare Tiepolo gestito da Generali Real Estate SGR, con l’obiettivo di dare nuova vita – con una decisa impronta di qualità architettonica, sostenibilità e capacità di accogliere le nuove modalità di lavoro – ad un complesso direzionale costruito negli anni ’70.

Con i suoi 56mila mq complessivi, Bassi Business Park rappresenta il più importante cantiere in corso per Generali Real Estate in Italia dopo l’area di CityLife. La sua riqualificazione si inserisce nell’ambito di un ambizioso processo di riposizionamento che Generali ha avviato sui propri asset in gestione sulla base dei più avanzati criteri ESG e di una precisa traiettoria di decarbonizzazione dell’intero patrimonio immobiliare in Europa.

Il complesso, composto da otto immobili, gode di una posizione ideale e strategica fra il quartiere Isola e Porta Nuova, nelle immediate vicinanze della stazione ferroviaria di Porta Garibaldi e dello scalo Farini. Un’area che ha visto uno sviluppo importante negli ultimi anni, e che continuerà ad essere al centro di dinamiche di rigenerazione urbana, di cui Bassi Business Park rappresenta uno snodo ed un tassello fondamentale.

Bassi Business Park è quindi una location dall’altissimo livello di connessioni, sia con le reti di trasporti che con i nuovi centri nevralgici del business, dello svago e dello shopping, dove la comodità di accesso ad un’ampia gamma di servizi è il valore aggiunto di spazi pensati per facilitare la condivisione e lo scambio reciproco di stimoli e di cultura anche fra realtà molto diverse e con il tessuto urbano circostante. Questi elementi sono essenziali per aziende, come Sisal, che ambiscono a progettare i propri uffici come flagship della propria cultura aziendale di oggi e di domani, e come strumento per coltivare l’innovazione e la competitività attraendo i migliori talenti.

Eccellenza architettonica

Il nuovo Bassi Business Park è stato progettato dallo studio OBR Paolo Brescia e Tommaso Principi. L’aspetto più riconoscibile è il disegno delle nuove facciate, dove gli elementi verticali dalle sfumature cangianti disegnano una gradazione dal color oro all’argento, creando un dinamismo cromatico e riflessi unici al variare della luce naturale.

Il progetto ha permesso anche la valorizzazione delle terrazze alla sommità degli edifici: un tempo adibite a locali tecnici angusti, vengono oggi trasformate in spazi pienamente fruibili, con viste mozzafiato sulla città.

Gli edifici del complesso si integrano con il parco interno, grazie alla trasparenza delle facciate ad alte prestazioni, mentre gli interni si arricchiscono di spazi comuni pensati per favorire la socializzazione ed il benessere delle persone.

Sostenibilità al centro

La sostenibilità è un elemento essenziale dell’intero progetto di riqualificazione. Dal punto di vista ambientale, il nuovo headquarter Sisal ha già ottenuto la certificazione LEED Gold, mentre è in corso l’ottenimento della stessa certificazione per tutto il comparto, grazie all’ottimizzazione degli impianti e dell’involucro, che ha permesso il rispetto della EU Taxonomy ed un notevole contenimento dei consumi energetici.

Il progetto prevede inoltre la realizzazione di una nuova piazza urbana a disposizione della cittadinanza, che darà un ulteriore contributo alla riqualificazione dell’intero quartiere.

I prossimi step per Bassi Business Park

La nuova ed innovativa sede di Sisal è il primo edificio completato in Bassi Business Park. Il primo lotto dei lavori di riqualificazione ha interessato circa 20mila mq, per i quali sono stati definiti contratti di locazione con importanti aziende ancor prima del completamento. Oltre a Sisal, gli altri spazi completati in questa fase sono stati già consegnati ai rispettivi tenant per i lavori di personalizzazione e fit-out.

Per la seconda metà del 2022 è previsto l’avvio dei lavori del lotto successivo per ulteriori 15mila mq, che sarà seguìto dalla riqualificazione delle aree esterne ad uso pubblico, e dal refurbishment dei lotti rimanenti, per arrivare al completamento dell’intero complesso nel corso del 2024.