igt logo
Print Friendly, PDF & Email

(Jamma) – IGT punta forte sul mercato brasiliano: l’obiettivo è partecipare ai bandi di gara pubblici che saranno lanciati nei prossimi mesi.

Il Governo del Paese sta infatti per avviare la procedura di privatizzazione del Gratta e Vinci locale. Il più popoloso mercato del Sudamerica non ha mia sviluppato il business del gioco in modo organico e strutturato e le sue potenzialità sono superiori agli attuali volumi. Il Brasile potrebbe aumentare su base annua le proprie entrate di circa 5,2 miliardi di euro attraverso la regolamentazione del settore. Il solo mercato illegale delle scommesse varrebbe circa 4,9 miliardi di euro, a fronte di 3,1 miliardi ad oggi incassati dallo Stato con il gioco legale.

Il Parlamento del Paese sta avviando la procedura per la privatizzazione a livello federale di alcuni giochi, tra cui appunto la Raspadinha, ovvero il Gratta e Vinci brasiliano. Il bando di gara dovrebbe essere pubblicato in un paio di mesi e – come si legge su MF – Igt vuole essere della partita. La svolta epocale che il governo vuole attuare è valutata con attenzione da tutti i player internazionali del settore. La svolta rappresentata dalle lotterie istantanee potrebbe essere solo il primo passo di questo processo di apertura ai privati da parte del governo locale. Una successiva operazione potrebbe essere la pubblicazione del bando definitivo per la privatizzazione del Lotex, la lotteria istantanea nazionale, un’operazione varata già nell’agosto 2015 ma mai concretizzatasi. Da non trascurare infine l’ipotesi di bandi di gara per la concessione in licenza dei casinò online, delle sale bingo e delle scommesse interattive.

Commenta su Facebook