“Pur avendo collaborato pienamente con l’autorità su questo tema, non siamo d’accordo con la decisione presa dall’AGCOM e sulla multa imposta”. E’ quanto dichiara un portavoce di Meta Platforms (società che controlla Facebook), in merito alla sanzione da 750 mila euro per la violazione del divieto di pubblicità del gioco d’azzardo imposta oggi dall’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni.

Articolo precedenteAgenzia delle Entrate: trattamento IVA sul caricamento delle tessere di crediti spendibili in sala giochi e apparecchi da intrattenimento
Articolo successivoAbodi (Min. Sport): ‘A breve una soluzione su questione scommesse e divieto pubblicità al gioco d’azzardo’