Il recupero delle attività terrestri vicino al 100%, in termini di ore di funzionamento pre-pandemia, i ricavi di CIRSA Corporation sono aumentati a +62% rispetto al secondo trimestre del 2021 e EBITDA si assesta a +63% rispetto allo stesso periodo .

“La diversificazione geografica e di prodotto, insieme alla nostra strategia omnicanale e al concentrarsi su una base clienti locali hanno portato ai migliori risultati di sempre nel secondo trimestre, pur in un contesto macroeconomico difficile, a conferma della resilienza della nostro modello di business. Il margine EBITDA sui ricavi del 33% rappresenta un massimo storico, ben al di sopra del 29% registrato prima della pandemia, a seguito di un favorevole mix di ricavi e il consolidamento delle riduzioni di costi realizzate negli ultimi trimestri.

L’ottimizzazione dei costi continua a essere una priorità assoluta per continuare a far crescere il nostro EBITDA ( 132 milioni nel trimestre) a questi livelli .

La nostra Business Unit Giochi e Scommesse On-Line non solo non ha subito l’effetto dei blocchi dovuti al COVID ma ha più che ha raddoppiato il suo EBITDA trimestrale rispetto allo stesso trimestre 2021 (9,1 milioni di euro contro 4,3 milioni di euro).

La nostra strategia Omnichannel sta dimostrando ancora una volta la sua capacità di far crescere la nostra posizione sul mercato e ci consentirà di replicare il modello per tutto il Aree geografiche in cui operiamo. Questa Business Unit rappresenta il 13% del totale EBITDA in Spagna e 7% dell’EBITDA totale del Gruppo. Durante il secondo rimestre 2022 abbiamo avviato il processo per ottenere la certificazione G4 Responsible Gambling . Il processo è a buon punto e ci aspettiamo di ottenere la certificazione nelle prossime settimane”, si legge in una nota.

Per quanto riguarda l’attività di Cirsa sul mercato del gioco italiano l’ultimo trimestre è stato caratterizzato dall’operazione di acquisizione dell’operatore online ePlay24 attraverso il quale il Gruppo intende rafforzare la sua posizione sul mercato attraverso una strategia omnichannel.

Sul mercato degli apparecchi da intrattenimento Cirsa Italia opera con un parco macchine di 7.284 WP e di 2.381 Vlt. In termini di EBITDA il mercato italiano rappresenta il 3,7% del totale di Cirsa.

Articolo precedenteGrecia, aggiunti alla Blacklist oltre 500 casinò online
Articolo successivoADM autorizza la Lotteria Filantropica Italia. Il 1° febbraio 2023 il via