Un operatore di gioco d’azzardo deve pagare 3 milioni di sterline in seguito ad un’indagine mirata della Gambling Commission britannica sui casinò online.

Mr Green è la nona azienda di giochi colpita dal 2018 dall’attività della Gambling Commission e che ha portato a pacchetti di sanzioni per oltre 20 milioni di sterline.

Dall’inizio dell’attività di controllo, sei operatori hanno rinunciato alla licenza e non possono più effettuare transazioni con i consumatori in Gran Bretagna. Nel corso delle indagini sui nove casi di licenza operativa più gravi, la Commissione ha esaminato le azioni di 22 singoli titolari di Personal Management Licence. Di questi, come detto sei hanno rinunciato alla loro licenza, sei hanno ricevuto un avvertimento formale, uno ha ricevuto un consiglio di condotta, sette sono ancora sotto esame e verso due non sono state intraprese ulteriori azioni.

Come parte del pacchetto di sanzioni di oggi, Mr Green pagherà 3 milioni di sterline che saranno destinati alla strategia nazionale per ridurre i danni da gioco. La motivazione è spiegata dalla Gambling Commission: non ha avuto procedure efficaci volte a prevenire danni da gioco e contro il riciclaggio di denaro.

Queste le inadempienze di Mr Green: non ha effettuato l’interazione di responsabilità sociale con un cliente che aveva vinto £ 50.000, le ha rigiocate e ha depositato altre migliaia di sterline; ha acquisito una prova vecchia di dieci anni di un risarcimento di £176.000 come prova soddisfacente della fonte di fondi (SOF) per un cliente che ha depositato oltre £1 milione; ha accettato una fotografia dello schermo di un laptop che mostra la valuta in dollari su un presunto conto di trading criptato come fonte di fondi adeguata.

Richard Watson, direttore esecutivo della Gambling Commission, ha dichiarato: “La nostra indagine ha rivelato carenze sistemiche in merito sia alla responsabilità sociale di Mr Green che ai controlli AML che hanno interessato un numero significativo di clienti nei suoi casinò online. I consumatori in Gran Bretagna hanno il diritto di sapere che esistono controlli ed equilibri che li aiuteranno a proteggerli e a garantire che il gioco d’azzardo sia privo di criminalità e continueremo a reprimere gli operatori che falliscono in questo ambito”.

Il lavoro di controllo dei casinò online si aggiunge alla strategia in corso della Commissione per rendere il gioco d’azzardo online più sicuro. Ciò ha incluso il rafforzamento della verifica dell’età e dell’identità online, il miglioramento delle regole e la guida per l’identificazione e l’interazione con i clienti che potrebbero essere a rischio di danno e il divieto delle carte di credito. Il regolatore sta inoltre spingendo il settore a innalzare gli standard nei settori delle pratiche VIP, della tecnologia pubblicitaria e del design del gioco, e attualmente sta esaminando i limiti di puntata online.