Nel primo semestre 2019 sono cresciute le segnalazioni di operazioni sospette alla Uif da parte degli operatori di gioco

“Nel primo semestre del 2019 la Uif ha ricevuto 51.201 segnalazioni di operazioni sospette (SOS), con un aumento del 3,8 percento rispetto al periodo corrispondente del precedente anno. Le operazioni segnalate hanno superato i 47 miliardi di euro (oltre 44 miliardi quelle effettivamente eseguite), contro i circa 45 miliardi nel primo semestre del 2018. Le segnalazioni inoltrate da banche e Poste hanno registrato una riduzione del 13,2%. La variazione riflette in buona misura lo spostamento di attività e di segnalazioni da una società capogruppo a un intermediario finanziario controllato. Agli IMEL e agli IP è riconducibile il 53,4% delle segnalazioni inoltrate da segnalanti diversi da banche e Poste, seguiti dai prestatori di servizi di gioco (16,6%). Nello specifico si tratta di 3.102 segnalazioni, contro le 1.864 del primo semestre 2018. In valori percentuali stiamo parlando del 6,1 per cento del totale delle segnalazioni. Complessivamente sono stati 48 i prestatori di servizi di gioco a effettuare segnalazioni.

Lo riporta l’Unità di informazione finanziaria di Bankitalia nella newsletter diffusa oggi 17 luglio.

Commenta su Facebook