(Jamma) – “Non abbiamo simpatia per il gioco d’azzardo, ma non abbiamo intenzione di lasciare le cose come stanno. Sediamoci attorno a un tavolo con le associazioni, i gestori, le associazioni dei commercianti e troviamo delle soluzioni per ridurre il volume dell’offerta del gioco d’azzardo su cui siamo tutti d’accordo, ma facciamolo in modo serio, non ideologico, emotivo o peggio strumentale”. Lo ha detto il presidente della Regione Liguria, Giovanni Toti, commentando la scelta di associazioni, sindacati, coordinamento regionale e consulta comunale contro il gioco d’azzardo di compiere oggi un presidio in piazza De Ferrari per chiedere alla Giunta Toti di non prorogare di un anno l’entrata in vigore (2 maggio) della legge regionale contro il gioco d’azzardo.

La legge prevede una distanza minima obbligatoria di almeno 300 metri tra le sale gioco e i ‘luoghi sensibili’ e cio’ mette a rischio a rischio le concessioni di numerose sale slot.

“Abbiamo trovato una legge della scorsa legislatura che se entrasse in vigore impedirebbe ai genovesi non di giocare d’azzardo, ma di pagare le bollette, di ricaricare il cellulare, e farebbe chiudere almeno 2000 esercizi commerciali in regione. Non credo che la chiusura di 2000 attivita’ commerciali e la perdita di oltre 2500 posti di lavoro possa essere una mitigazione del disagio sociale, penso che possa essere una vera emergenza sociale”, ha spiegato Toti.

“Il governo ha fatto una legge che non funziona e la Conferenza delle Regioni l’ha rimandata indietro. La Regione Liguria ha in eredita’ una legge che se entrasse in vigore cosi’ come e’ sarebbe una furia ideologica contro il commercio ancor prima che contro il gioco d’azzardo. Chiediamo – ha concluso Toti – di ragionare perche’ se noi facessimo entrare in vigore questa legge non avremo meno ludopatici, ma avremo molti meno occupati in Liguria”.

Oggi intanto, alle 17:30, è prevista una manofestazione no slot sotto la Regione  acui aderiscono Acli, ARCI, Auser, Cgil, CISL, UIL, Fondazione Auxilium, Sert, Libera, Cnca, Uisp e Pd Liguria.

Commenta su Facebook