Con l’entrata in vigore della nuova legge svizzera sul gioco d’azzardo il 1° gennaio 2019, la Federal Gaming Board (ESBK) e l’autorità intercantonale di sorveglianza del gioco GESPA (ex COMLOT) hanno creato delle blacklist per i fornitori di giochi online illegali. Quasi due anni dopo, però, un numero consistente di di casinò online elencati nella lista sono ancora accessibili agli svizzeri.

Secondo le autorità, gli elenchi hanno principalmente lo scopo di fornire istruzioni dirette ai fornitori di servizi di telecomunicazione in Svizzera per rendere i domini menzionati inaccessibili agli svizzeri. Tuttavia, questo non sembra accadere o non sembra funzionare.

Ci sono attualmente un totale di 316 domini di gioco online nell’elenco ESBK, 141 nell’elenco GESPA. Entrambi gli elenchi sono stati aggiornati l’ultima volta l’8 dicembre 2020 e parzialmente sovrapposti. Gli elenchi includono società note a livello internazionale come Bet365, Interwetten, Unibet e Bet-at-home.

Come riportato dal quotidiano svizzero Watson, solo 53 dei 316 domini sono effettivamente bloccati. I restanti 263 potrebbero ancora essere inseriti e utilizzati nella loro piena estensione.

Quando si tenta di aprire un conto, il paese di residenza viene impostato automaticamente come “Svizzera” e il prefisso “+41” è già inserito nel campo del numero di telefono. Le offerte di bonus e le informazioni di pagamento contengono la valuta franchi svizzeri (CHF).

I giornalisti di Watson hanno informato la Swiss Casino Commission. Il capo responsabile dell’ESBK, Emina Veladzic, ha poi dichiarato: “Non c’è un controllo completo, che non sarebbe logisticamente possibile e non è previsto dalla legge. L’ESBK ha contattato il provider e ha chiesto di chiarire la situazione. Ovviamente è un problema se le pagine che dovrebbero essere bloccate non lo sono effettivamente. Questo era cosa nota già quando la legge è entrata in vigore”.