La “nuova normalità” si è celebrata a Rimini, dal 30 settembre ad oggi, grazie a Enada, la 32° Mostra Internazionale degli Apparecchi da Intrattenimento e da Gioco che si è conclusa in queste ore al Quartiere Fieristico della città romagnola e che ha segnato la ripresa dell’attività espositiva.

La manifestazione, organizzata da Italian Exhibition Group in collaborazione con Sapar, seppur ridotta nei numeri e nelle dimensioni rispetto alla normale edizione primaverile, ma in linea con le dimensioni dell’edizione autunnale, è riuscita a raggiungere l’obiettivo di dare ampia soddisfazione alle aziende che hanno deciso di esporre e a tutti gli operatori che hanno raggiunto la Fiera di Rimini per fare affari e aggiornarsi sulla situazione del mercato.

Enada ha rappresentato una spinta importante in direzione di una ripartenza dell’intero mondo del gioco, un respiro di energia per tutto il settore, con una rinnovata voglia di “fare squadra” da parte di tutti gli attori coinvolti.

Hanno vinto il coraggio, la responsabilità e la resilienza di Italian Exhibition Group, forte della credibilità del primo operatore fieristico europeo per capacità di creare prodotti propri, che è riuscita a coinvolgere in tempi brevissimi un numero cospicuo di imprese determinate a vincere la sfida della ripartenza grazie anche al protocollo di sicurezza #safebusiness by IEG, il rigoroso sistema adottato per assicurare una presenza in fiera sicura e funzionale.

Ed è stata strategica per la presenza di un pool di aziende leader che hanno creduto nel progetto, tra queste, in ordine alfabetico: Alberici, Bakoo, Baldazzi Styl Art spa, Cermel, Change Italia srl, Elettronica Video Games, Fiam Automazione, Game Solution, Global Starnet, Impronta Designers, IGT International Games Trade spa, Kalkomat, MDS, MGR, Modena Giochi Giuliani, Moviemex 3D, Nazionale Elettronica, Net, Nicematic, Orlando, PGS Italia, Promel, PSM Tech, SDSP, TBM, Vicenza Giochi e White.

Fiera in presenza, si è detto, ma con un occhio alle nuove tecnologie. L’avveniristica Vision Arena, un vero e proprio studio televisivo realizzato nella hall sud della fiera, ha garantito la trasmissione in streaming (sul sito www.enada.it e sui canali social) dei principali appuntamenti convegnistici che, da sempre, caratterizzano Enada. Ricordiamo in particolare il convegno su “Il nuovo volto del gaming e le nuove opportunità. Che impatto hanno avuto le recenti norme sul settore – come il divieto di pubblicità – e quali le conseguenze della pandemia e del lockdown e quali sono le nuove strategie di marketing possibili?” e l’incontro sul tema “100 giorni di lockdown, 100 giorni di riapertura: sale scommesse, slot e bingo, cosa serve per rilanciare le attività e non perdere incassi e posti di lavoro”, oltre alla conferenza inaugurale dal titolo “Gioco di Stato: ripartiamo da Enada” con la partecipazione di SAPAR e Agenzia Dogane e Monopoli.

Per agevolare i contatti internazionali IEG ha anche predisposto un marketplace online per contattare i buyer esteri in collegamento da vari Paesi tra cui: Lituania, Moldavia, Ucraina, Georgia, Francia, Gran Bretagna, Bielorussia.