E’ stata condannata a due anni la titolare di una impresa di gestione di Grosseto querelata dalla concessionaria di rete slot Gamenet per non aver versato 121.000 euro di prelievo erariale unico sulla raccolta delle slot.

Il Tribunale grossetano ha accolto l’ipotesi di peculato.

Sulla questione si è più volta espressa anche la Cassazione ribadendo che il gestore che non versa il Preu è colpevole di peculato.