imola
Print Friendly, PDF & Email

(Jamma) – A Imola (BO) esercenti contro l’obbligo di dismettere le slot presenti in attività situate entro 500 metri dai cosiddetti «luoghi sensibili».

Quattro in totale i ricorsi sul tavolo del Comune (e altrettanti su quello della Regione). Proprio all’inizio del 2018 la Giunta comunale aveva dato il proprio via libera alla mappatura delle aree destinate a diventare ‘slot free’, con il progressivo spegnimento delle apparecchiature per il gioco d’azzardo nel raggio di 500 metri da luoghi definiti «sensibili» dalla legge regionale che disciplina la materia. Ne sono stati individuati 286.

Risale a fine 2017, invece, l’approvazione di uno specifico regolamento in materia da parte del Consiglio comunale imolese. In quel documento era previsto, tra l’altro, il vincolo di non procedere alla stipulazione di contratti di locazione o concessione di locali di proprietà del Comune e di società controllate a favore di soggetti che intendano utilizzare tali immobili per aprire attività concernenti il gioco d’azzardo, sia nella tipologia di sala giochi, che in quella di installazione di apparecchi da gioco.

Commenta su Facebook