Utilizzava i soldi dei clienti della sua tabaccheria e li spendeva per giocare al “Lotto” e ad altri giochi invece di versarli all’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli. Un tabaccaio, residente nella Marca Trevigiana, ha perso la licenza ed è stato condannato con rito abbreviato ad un anno e dieci mesi per peculato.

I fatti risalgono al settembre del 2019, quando l’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli rileva che l’uomo non ha versato le giocate al Lotto della settimana tra il 28 agosto e il 3 settembre 2019. L’Agenzia chiede spiegazioni. Ma non ricevendo notizia di che fine abbiano fatto quei 140.313 euro, imbocca la via giudiziaria. Pochi giorni fa, la sentenza del giudice delle udienze preliminari.

E’ quanto riporta la tribuna di Treviso