Print Friendly, PDF & Email

(Jamma) “Ci aspettavamo un accordo più stringente, più forte, nei confronti del gioco cosiddetto ‘lecito’. Soprattutto per quanto riguarda la pubblicità”. E’ il commento di Sara Seccia, consigliere comunale di Roma, sull’accordo in Conferenza Unificata sul riordino del gioco.

“Il sottosegretario all’Economia Pier Paolo Baretta -prosegue- garantisce che, nell’arco di 3 anni, verranno dimezzati i punti da gioco, stigmatizzando però il fatto che il gettito fiscale legato al gioco diminuirà drasticamente. Gli ricordiamo che le scelte politiche hanno sempre un prezzo. L’importante è sapere che quel prezzo venga compensato con il recupero sociale di chi nel gioco si è perso o si potrebbe perdere e con un’etica più sana. Ovviamente oltre al risparmio per spese sanitarie che ne deriverebbe (i numeri sull’azzardo sono in crescita, soprattutto tra i minorenni). Rimaniamo in attesa di leggere il testo definitivo e, quindi, dell’emanando decreto attuativo entro il 31 ottobre prossimo”.

Il Comune di Roma sta nel frattempo lavorando ad un regolamento sui giochi.

Commenta su Facebook