“Serve un codice del gioco pubblico per riordinare, qualificare e ridurre tutta l’offerta. Serve un sistema che ci permetta di affrontare adeguatamente la dipendenza da gioco d’azzardo. Serve una quota maggiore di risorse da destinare a questo scopo e non solo, che si può ottenere con un maggior controllo della legalità, assegnando ai Comuni la parte restante di queste risorse. Va rivisto anche tutto il sistema di tassazione, per alcuni settori – va detto – non è più sostenibile. Servono risorse anche per migliorare i controlli. Bene quindi l’istituzione del Comitato per la legalità realizzato tra Adm e forze dell’ordine”.

E’ quanto ha detto Domenico Faggiani (nella foto), coordinatore del Tavolo Anci per le problematiche del gioco, nell’ambito della conferenza web di presentazione della ricerca “Il Bingo nella crisi del gioco legale in Italia: rischi e prospettive dell’offerta più ‘social’ della galassia gioco”.

“La fuga in avanti di qualche Regione ha compromesso e bloccato l’iter che partiva dall’intesa in Conferenza Unificata, da lì bisogna ripartire”.