Print Friendly, PDF & Email

Le associazioni degli imprenditori marchigiani che operano nel settore del gioco lecito intervengono in previsione della discussione della proposta di legge regionale che riguarda il comparto

Informazione, prevenzione e formazione, sono le parole d’ordine gli operatori del gioco lecito delle Marche che, in previsione della prossima discussione in Consiglio regionale della proposta di legge sul comparto, avanzano proposte concrete sul terreno della lotta alla ludopatia e contemporaneamente, corredate da dati concreti scaturiti da analisi commissionate a prestigiosi istituti di ricerca, spiegano le forti perplessità su alcune misure che, se applicate anche nelle Marche, oltre a non raggiungere gli obiettivi previsti, come accaduto a quegli Enti locali che le hanno già assunte, comporterebbero come risultato finale non l’estirpazione del gioco d’azzardo tout court ma l’estinzione del gioco lecito e controllato sul territorio.

Significative le conseguenze: notevole crescita del gioco illegale, sovente in mano alla criminalità organizzata, ridimensionamento drastico dell’occupazione (nel comparto del gioco lecito sono impiegati, nelle sole Marche direttamente o con indotto, circa 10mila lavoratori e relative famiglie) e mancato introito erariale allo Stato.
Mantenendo inalterata la volontà di un confronto costante con le stesse istituzioni regionali e locali, gli imprenditori marchigiani che operano nel settore del gioco, attraverso le associazioni Assotrattenimento – Confindustria Sit e Sapar Confesercenti hanno voluto ribadire pubblicamente le proprie proposte attraverso un incontro con la stampa dove saranno presentati molteplici dati e numeri del gioco lecito nella regione.

Venerdì 27 gennaio 2017
ore 11:30
Hotel City
Via Giacomo Matteotti 112 (Ancona)

Alla conferenza stampa è prevista la partecipazione di:

Paolo Gioacchini, Vice presidente nazionale Assotrattenimento – Confindustria Sit e responsabile regione Marche
Ilario Luzi, Presidente delegazione Marche Sapar Confesercenti.
Prevista alla conferenza stampa anche la presenza degli stessi operatori del settore e dei rappresentati delle istituzioni.

 

Conferenza stampa

 

Commenta su Facebook