Il lockdown e l’emergenza COVID hanno determinato la sospensione delle attività di gioco legale ma non quelle del gioco illegale.

Secondo quanto riferisce ‘Il Giorno’ nel 2020 a Milano sono stati 91 i verbali, 39 le diffide e 87 le sospensioni. Nel 2019 l’Unità Annonaria della Polizia Locale aveva staccato 409 verbali alle attività che avevano violato le ordinanze anti-slot, con 64 diffide e 187 sospensioni per quegli esercizi commerciali risultati recidivi.

Il confronto fra i due anni sarebbe però poco significativo dal momento che le sale giochi e scommesse sono state chiuse per oltre 100 giorni durante il primo lockdown e poi ancora dallo scorso ottobre.