L’Executive Board del Merkur Gaming Group ha deciso di annullare la prevista partecipazione come espositore a ICE 2022 (dal 12 al 14 aprile).

In una dichiarazione all’organizzatore dell’ICE Clarion Events, Merkur Gaming ha chiarito che gli investimenti dell’azienda nella fiera non sarebbero valsi la pena: “Non possiamo accettare la nuova data dell’ICE, proprio all’inizio delle vacanze di Pasqua. La variante Omicron, che è anche prevalente nel Regno Unito, significa un alto rischio per la salute. Ci sono anche difficoltà logistiche derivanti dalla Brexit. Questi fattori avranno un impatto negativo sul numero di visitatori di ICE, sia dal Regno Unito che da altri paesi. Per questi motivi, dal nostro punto di vista, l’ICE non potrà presentarsi come la fiera leader per l’industria del gioco come negli anni scorsi. Notevoli anche le difficoltà puramente pratiche per gli espositori internazionali”.

Un comunicato stampa Merkur Gaming afferma inoltre: “Consideriamo nostro dovere prenderci cura dei nostri dipendenti, nonché dei nostri partner commerciali e clienti che prenderanno parte alla fiera. Clarion Events e ICE hanno contribuito al successo di Merkur Gaming negli ultimi anni e speriamo di poter collaborare nuovamente; ma in un momento diverso e sotto segnali più positivi. Attendiamo con impazienza questa cooperazione e ci rammarichiamo di dover prendere questa decisione. Siamo convinti di aver intrapreso un percorso esemplare e corretto in questo periodo, anche per quanto riguarda l’intera industria del gioco internazionale”.