mef
Print Friendly, PDF & Email

(Jamma) – Le entrate tributarie e contributive nei primi tre mesi del 2018 mostrano nel complesso un aumento di 5.014 milioni di euro (+3,3 per cento) rispetto all’analogo periodo dell’anno precedente. L’aumento registrato è la risultante tra la crescita delle entrate tributarie (+3.612 milioni di euro, +3,8 per cento) e quella evidenziata, in termini di cassa, dalle entrate contributive (+1.402 milioni di euro, +2,4 per cento).

Le entrate tributarie nel periodo Gennaio-Marzo 2018 evidenziano una crescita pari a 3.612 milioni di euro (+3,8 per cento). Le imposte contabilizzate al bilancio dello Stato registrano una variazione positiva (+2.623 milioni di euro, +2,8 per cento) rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. Il gettito relativo agli incassi da attività di accertamento e controllo registra una variazione negativa (-58 milioni di euro, -2,9 per cento). In crescita le entrate degli enti territoriali (+238 milioni di euro, +4,2 per cento). Le poste correttive – che nettizzano il bilancio dello Stato – risultano in diminuzione rispetto allo stesso periodo del 2017 (-809 milioni di euro, -10,8 per cento).

Le entrate tributarie del bilancio dello Stato (competenza giuridica)

Nei primi tre mesi del 2018 le entrate tributarie erariali, accertate in base al criterio della competenza giuridica, ammontano a 97.058 milioni di euro (+2.623 milioni di euro, pari a +2,8 per cento) rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. Le imposte dirette risultano pari a 54.472 milioni di euro (+1.549 milioni di euro pari a +2,9 per cento). Le imposte indirette ammontano a 42.586 milioni di euro (+1.074 milioni di euro, pari a +2,6 per cento). Tra le imposte dirette, il gettito IRPEF si è attestato a 48.756 milioni di euro (+1.211 milioni di euro, +2,5 per cento) principalmente per l’andamento delle ritenute IRPEF (+1.087 milioni di euro, +2,5 per cento). L’IRES è risultata pari a 1.111 milioni di euro (+112 milioni di euro, pari a +11,2 per cento). Tra le imposte indirette, le entrate IVA ammontano a 24.572 milioni di euro (+359 milioni di euro, pari a +1,5 per cento): 21.084 milioni di euro (+324 milioni di euro, pari a +1,6 per cento) derivano dalla componente relativa agli scambi interni; 3.488 milioni di euro dal prelievo sulle importazioni (+35 milioni di euro, pari a +1,0 per cento). Le entrate di lotto e lotterie ammontano a 3.588 milioni di euro (+238 milioni di euro, pari a +7,1 per cento).

Le entrate tributarie del bilancio dello Stato (incassi)

Le entrate tributarie del bilancio dello Stato incassate nel periodo ammontano a 91.654 milioni di euro in riduzione di 329 milioni di euro rispetto allo stesso periodo del 2017 (-0,4 per cento). In crescita le imposte dirette (+595 milioni di euro, +1,2 per cento) mentre risultano in flessione le imposte indirette (-924 milioni di euro, -2,3 per cento). Su queste ultime incide principalmente la variazione negativa del gettito IVA (-890 milioni di euro, pari al -3,5 per cento) registrata nei versamenti in conto residui. Per quanto riguarda gli incassi da notare come nella sezione lotto e lotterie si sia passati da 1.889 milioni di euro a 1.819 milioni di euro (-70 milioni di euro, -3,7%).

Commenta su Facebook