Denunciato a Grumo Nevano (NA) il titolare di una sala giochi per inosservanza all’ordinanza sindacale nr. 16 del 21 giugno scorso, con la quale il primo cittadino ha regolamentato l’orario di accesso.

I carabinieri passata la mezzanotte hanno notato che l’attività era ancora aperta, nonostante l’ordinanza sindacale lo impedisca. I militari hanno quindi identificato e notificato al titolare la denuncia per l’inosservanza dell’ordinanza sindacale. Questi ora rischia una pena pecuniaria.

L’ordinanza disciplina, in via sperimentale, gli orari di apertura e chiusura delle sale giochi autorizzate. Questa introduce per un periodo di non meno di 12 mesi, una disciplina degli orari di apertura e chiusura delle sale da gioco, che potranno comunque restare aperte non più di otto ore al giorno complessivamente: in orario antimeridiano dalle ore 10 alle ore 12, ovvero alle ore 13 ovvero ancora alle ore 13,30 ed in orario pomeridiano e serale dalle ore 17 alle ore 22, ovvero dalle ore 17,30 alle ore 22 ovvero ancora dalle ore 18 alle ore 24 (periodo estivo, dal 22/06 al 21/09) ovvero infine dalle ore 19 alle ore 24 (periodo estivo, dal 22/06 al 21/09) “il tutto senza mai superare complessivamente le otto ore di apertura giornaliera”.

Ed ancora “durante l’orario di chiusura le sale gioco dovranno disporre la disattivazioni impianti di illuminazione, luci segnaletiche monitor e quant’altro che potrebbe provocare assembramenti nelle vicinanze specie in orario notturno”.