I comuni del Lazio potranno prorogare fino a quattro anni il termine per la rimozione degli apparecchi per il gioco d’azzardo qualora gli stessi siano collocati all’interno dell’unico esercizio di vendita al dettaglio di prodotti alimentari o dell’unico esercizio di somministrazione di alimenti e bevande esistente nel territorio comunale.

Advertisement

E’ quanto prevede l’approvazione di un emendamento da parte del Consiglio Regionale del Lazio in sede di votazione del progetto di legge “MISURE PER LO SVILUPPO ECONOMICO, L’ATTRATTIVITÀ DEGLI INVESTIMENTI E LA SEMPLIFICAZIONE”.