piemonte
Print Friendly, PDF & Email

(Jamma) L’Istituto Quaeris ha elaborato una indagine sul gioco d’azzardo e i cittadini piemontesi , e in particolare sull’opinione di questi in merito agli interventi legislativi introdotti dalla Regione.

Secondo l’indagine il 58,9% ritiene che nella prevenzione al gioco d’azzardo patologico, siano più utili la comunicazione sociale (ossia educazione nelle scuole, messaggi informativi che invitano a giocare con moderazione, etc.), mentre il 41,1% ritiene più utile le limitazioni (quali ad esempio la limitazioni negli orari del gioco, l’esclusione del gioco in zone sensibili quali quelle vicino alle scuole, etc.).

Altro dato interessante è che il 71% con condivide del tutto  le limitazioni degli orari di apertura e chiusura dei locali dove si offre gioco, contro il 27,5% che non ha dubbi sulla utilità di queste misure. Per il 58,4% dei piemontesi l’Amministrazione comunale di Torino non si sta muovendo nella giusta direzione per arginare il fenomeno del gioco d’azzardo patologico e oltre il 79% crede che la regolamentazione debba essere affidata ad una legge nazionale.

Leggi l’indagine in versione integrale a questo link.

Commenta su Facebook