(Jamma) – Lunedì prossimo, 19 febbraio 2018, si terrà a Torino Incontra a partire dalle ore 10:00 il più grande evento nazionale mai organizzato in Italia contro il proibizionismo in materia di gioco. L’Istituto Milton Friedman, la Federazione Italiana Tabaccai e il Sindacato Totoricevitori Sportivi hanno deciso congiuntamente di dar vita a un convegno che potesse consentire a quante più personalità esperte e rappresentative di pronunciarsi sul regime proibitivo del gioco lecito instaurato dalle normative piemontesi.

Oltre 13 interventi di tecnici tra i più esperti del settore in campo legale, sociale e psicologico e di esponenti politici, illustreranno e commenteranno la situazione cercando di prospettare le migliori alternative all’attuale quadro normativo piemontese.
Il titolo dell’evento riprende il titolo di un celebre libro, poi diventato programma TV negli Usa, del premio Nobel all’economia Milton Friedman: “Liberi di scegliere”. Il libro riprende l’esaltazione del libero arbitrio dell’individuo grazie al quale non é necessario proibire, ma anzi, farlo rischia di produrre effetti ancora più dannosi, di alimentare la criminalità e il sommerso come sta accadendo a Torino ed in Piemonte.
Vi sarà anche l’Istituto Quaeris che presenterà un’analisi demoscopica eseguita esclusivamente in Piemonte. Per la prima volta è stato chiesto ai piemontesi cosa pensano dell’argomento e come valutano l’operato delle Amministrazioni regionale e comunale di Torino.
Di seguito le dichiarazioni del Direttore generale dell’Istituto Friedman, del Presidente Nazionale della Federazione Italiana Tabaccai e del Presidente Nazionale del Sindacato Totoricevitori Sportivi.

“Analizzare la situazione del settore economico del gioco in Italia nel febbraio 2018 fa pensare di ritrovarsi in un libro di storia americana degli inizi del secolo scorso. – dichiara Andrea Maria Villotti, direttore generale dell’Istituto Milton Friedman Institute, che prosegue – Come poterono allora, alcune delle menti economiche più brillanti, appartenenti alla nazione più sviluppata, commettere un errore tanto macroscopico e dare vita a un proibizionismo i cui disastrosi risultati si riversarono sull’intera economia americana per due decenni, sino all’avvento di Franklin Delano Roosvelt, oggi non è un mistero. Furono alcuni tra gli stessi protagonisti, da John Rockefeller ad Henry Ford, a spiegarne successivamente le ragioni e perché cambiarono idea, divenendo paladini dell’anti-proibizionismo.
A quasi un secolo da quel gennaio 1919, in Italia oggi, a febbraio del 2018, nel settore del gioco si sta rivivendo la stessa storia e sarà interessante fra qualche anno leggere le considerazioni che ne faranno i protagonisti.
Nel frattempo possiamo già con certezza affermare come l’introduzione di alcune leggi che riguardano i giochi, quale per esempio quella regionale piemontese, come confermato dai dati in esame, rischino di distruggere un tessuto economico senza riscontrare al contempo alcun beneficio per la salute pubblica.
Del resto invenzioni stravaganti quali distanziometri o restrizioni orarie non sarebbero stonate nel proibizionismo che vigeva a Chicago alla fine degli anni ‘20.
Questo Convegno, organizzato dall’Istituto Milton Friedman assieme a grandi associazioni nazionali quali la Federazione Italiana Tabaccai e il Sindacato Totoricevitori Sportivi, che riuniscono decine di migliaia di attività, persone, imprenditori e lavoratori in un settore che rappresenta il 2% del PIL italiano, ha il compito, grazie ai numerosi ed eccellenti ospiti e relatori presenti, d’indicare la direzione per lo sviluppo di un settore così importante per l’economia e il lavoro a livello nazionale”, conclude Villotti.

“Noi tabaccai – dice Giovanni Risso, Presidente Nazionale della Federazione Italiana Tabaccai – siamo concessionari diretti dello Stato e, per ottenere la concessione, allo Stato dobbiamo dimostrare requisiti di onorabilità e professionalità senza pari. Non solo, siamo sottoposti a controlli rigidissimi, anche e soprattutto in qualità di operatori professionali di gioco. Il gioco che viene offerto nelle tabaccherie è gioco legale. Ribadisco: legale”.
“Proprio così – sottolinea Giorgio Pastorino, Presidente Nazionale del Sindacato Totoricevitori Sportivi – E’ quindi più che mai necessario porre un freno alla demagogia imperante ed all’informazione distorta ad arte. Attaccare la rete legale di raccolto del gioco pubblico è un regalo alla criminalità bello e buono”.

Commenta su Facebook