parlamento
Print Friendly, PDF & Email

Quali interventi si intende “porre in essere per garantire l’uniformità sul territorio nazionale nella prevenzione, nella cura e nella riabilitazione della dipendenza da gioco d’azzardo patologico, anche assicurando il puntuale trasferimento delle risorse alle regioni”.

E’ quanto chiede il M5S in un’interrogazione a risposta immediata al Ministro della Salute che verrà discussa oggi. “Nel 2015 solo una percentuale inferiore all’1 per cento di giocatori patologici ha ricevuto cure dirette da parte del Servizio sanitario nazionale e l’assistenza è stata garantita, soprattutto, grazie alle iniziative virtuose di aziende sanitarie locali ed operatori sanitari; pertanto, la presa in carico da parte del Servizio sanitario nazionale non appare uniforme sul territorio nazionale” si legge nell’interrogazione.

Inoltre, “la cura della patologia da gioco d’azzardo è stata inserita nei livelli essenziali di assistenza fin dal 2012; pertanto, nell’ambito dell’assistenza territoriale e domiciliare, il Servizio sanitario nazionale garantisce alle persone con dipendenza dal gioco d’azzardo la presa in carico multidisciplinare e lo svolgimento di un programma terapeutico individualizzato, che include le prestazioni specialistiche, diagnostiche, terapeutiche e riabilitative necessarie e appropriate; dall’ultimo Rendiconto generale dello Stato 2016 è emerso il mancato trasferimento alle amministrazioni regionali dei fondi stanziati per il contrasto alla dipendenza dal gioco d’azzardo patologico”.

Commenta su Facebook