“Ancorchè non faccia giurisprudenza, segnaliamo che il Tribunale di Modena ha stabilito che il lavoratore che non si vaccina può incorrere nella sospensione sia dell’attività sia della retribuzione. La sentenza sottolinea che il datore di lavoro è garante della salute e della sicurezza dei dipendenti e di terzi presenti in azienda. Pertanto, il principio di solidarietà collettiva rende legittima la scelta del titolare dell’azienda di allontanare chi non si vaccina”. E’ quanto scrive la CGIA Mestre.