mga
Print Friendly, PDF & Email

(Jamma) – La Financial Intelligence Analysis Unit (“FIAU”) e l’Autorità di gioco di Malta (“MGA”) hanno emesso un secondo documento rivisto di consultazione sull’applicazione dei requisiti per l’antiriciclaggio e per la lotta al finanziamento del terrorismo (“AML / CFT”) a chiunque sia autorizzato a fornire un servizio che implica l’impiego di denaro in giochi d’azzardo, compresi quelli che richiedono un elemento di abilità, tramite mezzi elettronici di comunicazione a distanza su richiesta del destinatario di tali servizi, con la possibilità di vincere denaro o premi in denaro.

Il presente documento prende in considerazione il feedback ricevuto in relazione al documento di consultazione emesso il 10 luglio 2017 e cerca di rispondere ad alcune delle preoccupazioni espresse dai licenziatari. Tra le proposte che sono state riviste vi sono quelle relative all’identificazione, all’approccio soglia e alla fonte di ricchezza. Il documento tocca anche alcuni aspetti che non sono stati presi in considerazione nel Documento di consultazione iniziale come la nomina del Funzionario per la segnalazione del riciclaggio di denaro.

Pur essendo ancora una serie di proposte non vincolanti, la FIAU e la MGA considerano il documento attuale lo strumento per delineare un quadro più chiaro di ciò che ci si aspetta dai licenziatari per conformarsi alla normativa sulla prevenzione del riciclaggio di denaro e sui finanziamenti del terrorismo del 2017 (“PMLFTR”). Questo documento non copre tutti gli obblighi AML / CFT ma solo quelli che meritano un’interpretazione settoriale specifica e l’omissione di qualsiasi riferimento nel presente documento ad altri obblighi AML / CFT non è da considerarsi equivalente all’inapplicabilità dello stesso.

Questo documento, insieme al feedback ricevuto dai licenziatari e dalle parti interessate, costituirà la base delle linee guida settoriali da emettere in una fase successiva una volta completata la revisione della parte delle prime procedure di attuazione. I licenziatari e le altre parti interessate sono invitate a inviare eventuali feedback in merito a questo documento al seguente indirizzo email – legal@fiumalta.org – entro il 5 marzo 2018.

Commenta su Facebook