Le autorità maltesi di gioco cominceranno a scambiare informazioni di intelligence con le loro controparti italiane che si occupano di contrasto alla mafia in seguito a una importante indagine che individuato il coinvolgimento di Malta in un grande racket di riciclaggio di denaro .

Il segretario parlamentare per l’economia digitale Silvio Schembri ha dichiarato mercoledì al Parlamento che l’Autorità di gioco di Malta sta stipulando un accordo con la Guardia di Finanza per lo scambio di informazioni per indagini su attività illegali di gioco.


L’accordo, che verrà firmato nei prossimi giorni, vedrà le autorità maltesi e italiane collaborare nell’analisi di complesse informazioni aziendali nel tentativo di reprimere l’infiltrazione mafiosa del settore.

La notizia è arrivata poco dopo che le autorità italiane hanno rilasciato una dichiarazione che annunciava un’indagine importante sulle frodi di scommesse online che ha portato all’arresto di 68 persone e al sequestro di oltre 1 miliardo di euro di beni in tutta l’UE.

L’inchiesta ha coinvolto la collaborazione di Eurojust – l’agenzia giudiziaria dell’UE e le autorità giudiziarie di Malta, nonché Austria, Svizzera, Regno Unito, Isola di Man, Paesi Bassi, Curacao, Serbia, Albania e Spagna, che era fondamentale per la tracciabilità dei beni accumulati e dei sequestri in tutta l’UE.

Commenta su Facebook