Print Friendly, PDF & Email

Di seguito le dichiarazioni del dott. Gennaro Parlati, DG di Acmi che, insieme ad AsTro, fa parte di SistemaGiocoItalia, la Federazione di Filiera in seno a Confindustria Sit.

“Gli strumenti per tutelare i consumatori ci sono e le aziende italiane sono pronte, basta discutere, passiamo ai fatti. Se veramente il tema è la tutela del consumatore, se veramente a cuore del Governo c’è il contrasto alla ludopatia e al gioco minorile, noi siamo pronti”.

L’associazione nazionale dei costruttori, attraverso il proprio portavoce, Gennaro Parlati, sollecita un intervento del Governo. “Basta slogan, numeri e ipotesi, basta con la caccia alle streghe e soluzioni tampone, le imprese italiane del settore, fra le migliori del mondo, sono pronte da tempo ad attivare una serie di strumenti volti a tutelare il consumatore e a contrastare la ludopatia.

Che si istituisca con la massima urgenza un tavolo tecnico con i Ministero competenti, i Monopoli di Stato, Sogei e, come richiesto dal Ministro di Maio, con rappresentati delle associazioni non slot in grado di dimostrare la loro competenza in materia, e si metta mano immediatamente al rinnovo del parco apparecchi, intervento realizzabile in pochi mesi.

Mentre il medico studia la cura, l’ammalato muore, si è perso già troppo tempo lasciato colpevolmente a disposizione di organizzazioni criminali e operatori illegali liberi da mesi di impadronirsi del territorio. Se una lobby dobbiamo temere e’ proprio questa, operatori nell’ombra che con scientifica costanza cercano di minare le basi del gioco lecito per impadronirsi del territorio, una lobby che chiede il ritiro di tutti gli apparecchi legali, che blocca con tenacia gli aggiornamenti tecnologici per avere le mani libere.

Le nostre aziende, piccole e medie, tutte certificate, lontane dalla logiche lobbistiche, chiedono con forza di poter fare il proprio lavoro, chiedono di essere ascoltate, chiedono di poter dimostrare, con i fatti, che il gioco lecito è uno strumento a tutela del consumatore e non viceversa.”

Commenta su Facebook