Print Friendly, PDF & Email

(Jamma) Nel 2017 nel settore dei giochi pubblici, ed in particolare la “Raccolta”, ovvero il totale delle somme giocate in una certa unità di tempo, nel 2017, il volume complessivo è stato di 101,8 miliardi di euro, con un incremento rispetto all’anno precedente del 6,15%. La “Spesa” per il gioco –che corrisponde al ricavato (o “Volume d’affari”) della filiera ottenuto sottraendo le “Vincite ” realizzate nel periodo (82,7 miliardi di euro) dalla “Raccolta”–nel 2017 è rimasta pressoché invariata rispetto all’anno precedente (pari a 19,2 miliardi di euro).

La “Spesa” è presa a riferimento anche per dimensionare l’incidenza della tassazione. Oggi, la tassazione complessiva del settore -10,3 miliardi di euro -è pari a circa il 50% della spesa.

 

Nel 2017 in Italia la spesa nei giochi ha toccato i 20,5 miliardi di euro, un dato in crescita del 5,1% rispetto ai 19,5 miliardi dell’anno precedente. Le entrate erariali sono invece state pari a 10,3 miliardi, in calo dell’1,4% rispetto ai 10,4 miliardi del 2016. La tassazione sul gioco è stata quindi superiore al 50%. Nonostante la spesa in crescita, il calo delle entrate erariali è dovuto alla scelta degli italiani di puntare su giochi con payout più elevati, come il gioco online. Circa la metà della spesa è finita negli apparecchi da intrattenimento: le slot hanno totalizzato 7,8 miliardi di euro (+1%) mentre le Vlt si sono attestate a 2,8 miliardi (+2,8%). Dietro gli apparecchi si piazzano Lotterie e Gratta&Vinci, con 2,43 miliardi (+0,3%) e il Lotto con 2,42 miliardi (-21%). La spesa nel bingo è stata pari a 1,53 miliardi (+170%) mentre quella nei giochi a base sportiva a 1,34 miliardi (+43,3%). I giochi di abilità a distanza (casinò games, cash games ecc) hanno raggiunto i 723 milioni (+24,8%) seguiti dai Giochi numerici a Totalizzatore (Superenalotto, Win for Life ecc) a 619 milioni. (-15,2%). Chiudono la classifica dei giochi le scommesse virtuali (235 milioni di euro e il +23%) seguite dai giochi a base ippica (152 milioni, -23%) e betting exchange (6 milioni, +100%).
Sul fronte erariale, le slot hanno garantito 4,75 miliardi (+3,2%) mentre le Vlt 1,37 miliardi (+8,1%). Sopra il miliardo di euro di entrate erariali anche Lotterie/Gratta&Vinci con 1,32 miliardi (-0,5%) e il Lotto con 1,27 miliardi (-29,3%). I giochi a totalizzatore hanno raggiunto quota 434 milioni (-7,2%), i giochi a base sportiva 269 milioni (+42,3%), il bingo 187 milioni (-2,6%), i giochi di abilità a distanza 144 milioni (+24,1%), le scommesse virtuali 47 milioni (+23,6%), con l’ippica a 26 milioni (-7,1%) e il betting exchange a 1 milione. Si aggiungono ulteriori 3 milioni dal prelievo dei conti dormienti.

Commenta su Facebook