Nei primi nove mesi dell’anno il Tesoro ha incassato oltre 3,8 miliardi di euro dalle imposte sulle attività di gioco pubblico.

E’ quanto certifica la Ragioneria dello Stato con l’ultimo Bollettivo riassuntivo sui conti dello Stato.

A farla da padrona sono le imposte sulla raccolta di slot e Vlt con oltre 1,87 miliardi di euro nel periodo compreso tra gennaio e novembre. E questo nonostante il gioco ‘fisico’ sia stato fortemente penalizzato dalle restrizioni imposte a causa della pandemia.

Un miliardo di euro sono invece riferibili al gioco del Lotto, 56 milioni dai diritti erariali sui concorsi a pronostico.