A gennaio da giochi e scommesse l’Erario ha incassato 150 milioni di euro di cui 97 milioni solo dal Lotto.

E’ quanto certifica la Ragioneria dello Stato nel Conto Riassuntivo dello Stato relativo al mese di gennaio.

Azzerate le entrate dagli apparecchi da intrattenimento a vincita, bloccati dall’ottobre scorso. Incassati soli 8.400 euro.

28.463.622,08 euro sono invece relativi al capitolo ‘Quota del 40 per cento dell’imposta unica sui giuochi di abilità e sui concorsi pronostici’.

La vendita dei tagliandi di Gratta e vinci ha portato invece nelle casse dello Stato 145.717.431,10 euro.

Atri 22 milioni di euro dai canoni di concessione per la gestione della rete telematica relativa agli apparecchi da divertimento ed intrattenimento ed ai giochi numerici a totalizzatore nazionale.