Secondo quanto riferito in un articolo su Il Fatto Quotidiano a firma Carlo Tecce Bwin e William Hill hanno trovato il modo di dribblare il divieto di pubblicità del gioco d’azzardo in tv imposto dal governo un anno e mezzo fa con il decreto “dignità”.

Le due multinazionali hanno lanciato una nuova attività giornalistica. In pratica una sezione di notizie con lo stesso logo dell’azienda legata alle scommesse. Con essa compaiono sui cartelloni a bordo campo durante le partite, in modo che se uno spettatore ha letto la scritta “Bwin sport” e la digita su internet viene indirizzato automaticamente al sito con le quote per scommmettere.

Di questa cosa si è accorta l’Autorità di garanzia per le Comunicazioni (Agcom), che ha avviato un preliminare di istruttoria. In pratica ha indirizzato a Bwin e William Hill delle lettere di richiamo per ottenere una spiegazione e magari una correzione degli spot.