L’associazione ritiene che regole comuni in Europa contribuirebbero a migliorare la protezione dei giocatori.

L’European Gaming & Betting Association (EGBA) chiede più regole e salvaguardie europee comuni per proteggere meglio oltre 12 milioni di giocatori d’azzardo online. Questo dopo che, secondo un recente studio, solo uno Stato membro, la Danimarca, ha attuato pienamente gli orientamenti della Commissione;

Maarten Haijer, segretario generale dell’EGBA, ha rivelato che l’associazione ha recentemente chiesto all’Università di Londra di riesaminare le tutele esistenti per i giocatori online negli Stati membri dell’UE e lo studio ha dimostrato che solo la Danimarca le ha pienamente implementate, quindi esistono grandi lacune nell’industria europea.

Lo studio ha inoltre evidenziato che solo 14 paesi membri dispongono di un registro di auto-esclusione, ma nessuno di questi è interoperabile e i giocatori autoesclusi in un paese membro possono comunque accedere a siti Web situati in un altro paese.

“Le sfide sono ovvie: Internet non ha confini nazionali, il che significa che gli europei possono facilmente giocare su siti di giochi d’azzardo basati in paesi diversi da dove vivono. Ma la qualità dei regolamenti nazionali sul gioco d’azzardo nell’UE varia in modo significativo e non c’è coerenza tra loro “, ha detto Haijer.

L’EGBA crede che un regolamento comune stabilisca le garanzie forti e coerenti necessarie per proteggere i cittadini europei, in particolare i gruppi vulnerabili, come i minori e i giocatori problematici: “Una serie di regole andrebbe a beneficio delle società dei nostri membri: un insieme di regole sarebbe chiaro e ridurrebbe i costi e i rischi legati al rispetto di 28 diverse regole, a volte in conflitto tra loro “.

“È il 2019: se l’UE è seriamente intenzionata a far funzionare il mercato unico digitale per i suoi consumatori, non c’è motivo per cui i giocatori d’azzardo online che vivono in un paese membro debbano essere meno protetti di quelli che vivono in un altro. È tempo di agire “, ha aggiunto l’associazione.

Commenta su Facebook