Il deputato francese Jean-Marie Fiévet ha presentato una interrogazione al Ministro della Giustizia, in merito alle truffe sulle scommesse sportive attraverso i social network.

Sui social network, denuncia il deputato, un nutrito numero di individui si dichiara “esperto di scommesse sportive”. In questo ruolo offroano quote di gioco alle persone che li seguono, dietro compenso.

Visto che i rendimenti sono incerti, molti minori risultano essere già caduti nella trappola, spendendo forti somme per effettuare queste scommesse.

Questi stessi esperti di pronostici vengono promossi da “influencer” che esaltano le virtù delle probabilità offerte.

Fiévet vuole sapere se il governo sa di questo fenomeno e se sono previste misure legali per prevenire la truffa nei confronti dei minori, in particolare attraverso la National Gaming Authority, l’autorità di regolamentazione sul gioco d’azzardo.