Complessivamente, nel 2019, 2,8 milioni di francesi hanno giocato online alle scommesse sportive, alle corse di cavalli e al poker.

I francesi non hanno mai scommesso così tanto nel gioco d’azzardo online. L’anno scorso, il prodotto lordo dei giochi (ovvero scommesse meno vincite ) ha raggiunto 1,4 miliardi di euro (+ 18% rispetto al 2018).

Il mercato dell’online non ha mai raggiunto un tale livello dalla sua legalizzazione nel 2010. In totale, le scommesse sportive, ippiche e poker hanno attirato 2,8 milioni di giocatori, il 5% in più rispetto al 2018.

Sempre più giovani giocano sul proprio smartphone: l’anno scorso, il 64% dei giocatori aveva meno di 35 anni. Prediligono innanzitutto le scommesse sportive, il segmento più ampio e dinamico. Queste scommesse da sole hanno generato entrate lorde di gioco per 880 milioni di euro, corrispondenti a 5,1 miliardi di euro di scommesse su tutti gli eventi sportivi nel 2019 (+ 30% rispetto al 2018).

“È una grande prestazione, soprattutto se si considera che non ci sono stati grandi eventi sportivi, né la Coppa del mondo di calcio maschile né i Giochi olimpici”, sottolinea Charles Coppolani, presidente della Autorità di regolamentazione per i giochi online (Arjel).

Il calcio rimane il gioco preferito dagli scommettitori, ma nell’ultimo trimestre del 2019, la competizione su si scommette di più è il campionato nordamericano di basket NBA. Il jet lag ha favorito le scommesse serali.

Dal lato poker, le entrate lorde di gioco sono aumentate del 6% a 272 milioni di euro, grazie all’autorizzazione di nuove forme di poker e all’apertura di tavoli internazionali, consentendo una maggiore liquidità.

Le entrate lorde di gioco hanno raggiunto un livello record di 271 milioni (+ 5%) nelle scommesse ippiche. I 14 operatori autorizzati (Betclic, Bwin, Winamax, PMU, Zeturf, ecc.) avranno una nuova autorità di regolamentazione a primavera. Dopo quasi dieci anni l’Arjel scomparirà e verrà sostituito dalla National Gaming Authority (ANJ), il cui perimetro di controllo sarà esteso a tutti i giochi, ad eccezione dei casinò. nella foto c.coppolani