E’ stato pubblicato sul Bollettino Ufficiale il decreto legge del 9 giugno di misure urgenti in materia di contrasto all’epidemia da COVID-19 che prevede, tra le altre cose, l’abrogazione delle restrizioni alla pubblicità sul gioco online.

Nel decreto si legge che “l’articolo 37 del regio decreto legge 11/2020, del 31 marzo, è abrogato, per coerenza con la maggiore flessibilità nel settore del gioco d’azzardo stabilita durante le fasi II e III del Piano per la transizione verso una nuova normalità“.

Il decreto introduceva misure di restrizione alle comunicazioni commerciali degli operatori che svolgono un’attività di gioco regolata dalla legge 13/2011, del 27 maggio.

Le comunicazioni commerciali oggetto di limitazione erano intese come qualsiasi forma di attività pubblicitaria diffusa con qualsiasi mezzo, intesa a promuovere, direttamente o indirettamente, le attività di gioco definite nell’ambito di applicazione del Legge 13/2011, del 27 maggio.

Vietate le comunicazioni commerciali che implicitamente o “espressamente fanno riferimento alla situazione eccezionale derivante dalla malattia COVID-19 o il consumo di attività di gioco in questo contesto”.

Vietate le attività di promozione volte ad attirare nuovi clienti o fidelizzare i clienti esistenti che raccolgono importi economici, bonus, sconti, regali o giochi di scommesse, moltiplicatori di quote o premi o qualsiasi altro meccanismo simile.

Emissione di comunicazioni commerciali nei servizi di comunicazione audiovisiva di cui all’articolo 2.2 della legge generale sulla comunicazione audiovisiva 7/2010, del 31 marzo, compresi i servizi su richiesta quando sono distinguibili e separabili, tranne nella fascia oraria tra 1 e 5 del mattino.

A partire da oggi tutte queste limitazione sono abrogate.