Sulla base dei dati forniti dagli operatori e da alcuni studi, la profilazione dei giocatori del Bingo è così sintetizzabile: 1,1 milioni di giocatori; il 58% dei giocatori è una donna; la spesa media mensile pro capite (su giocatori) è di 33 euro; la spesa media mensile pro capite (su popolazione residente +18 anni) di 0,7 euro. Una ricerca del 2017 condotta dall’Università degli Studi di Firenze su un campione di più di 800 giocatori, ha evidenziato che il 45% di questi ha l’abitudine di andare in Sala in compagnia ed un ulteriore 23% di andare più spesso a giocare in compagnia che da solo. La somma di queste percentuali supera i due terzi del campione, un dato che identifica la percezione della Sala Bingo come luogo di incontro per attività di intrattenimento. A conferma di questa tendenza, solo il 13% dei giocatori dichiara di giocare “sempre” da solo. Circa i rischi di incorrere nel Disturbo da Gioco d’Azzardo, la percezione tra i giocatori del Bingo è molto elevata e, vista la scarsa incidenza di questa tipologia di gioco per lo sviluppo di dipendenze, ciò attesta un’attenzione “precauzionale” molto forte rispetto alla più ampia galassia del consumo di gioco.

E’ quanto emerge da uno studio dell’Osservatorio Giochi, Legalità e Patologie dell’Eurispes.