I funzionari ADM dell’Ufficio dei Monopoli di Palermo, in collaborazione con i militari dell’Arma dei Carabinieri, nell’ambito dei controlli volti a contrastare le attività di gioco illegale e alla verifica del rispetto delle misure anti-Covid, hanno denunciato il gestore di un Internet Point alla Procura della Repubblica di Enna per esercizio del gioco illegale.

Nonostante il divieto di apertura dell’esercizio di gioco durante il periodo di emergenza sanitaria in corso, il titolare dell’Internet Point, un giovane del luogo, esercitava l’attività di scommesse senza essere in possesso di concessione, autorizzazione e licenza per l’esercizio delle scommesse rilasciata dalla Questura competente. Inoltre, avrebbe favorito l’accettazione per via telematica di scommesse non autorizzate tramite un sito web.

Il titolare è stato denunciato all’Autorità Giudiziaria con contestuale sequestro penale di cinque personal computer ed elevate sanzioni amministrative pari a 210.000 euro. Già nel febbraio scorso, presso lo stesso esercizio, nel corso di un di controllo da parte degli ispettori di ADM di Caltanissetta e dei militari dell’Arma dei Carabinieri, era scattato il sequestro amministrativo di altri cinque PC ed elevate sanzioni amministrative per 250.000 euro, oltre all’avvio dell’accertamento tributario per il recupero dell’Imposta Unica sulle scommesse.