“Partecipare a Enada 2020 rappresenta per noi un segnale. Non era possibile partecipare a marzo scorso per la grave ed incombente emergenza sanitaria. Ma le cose sono molto cambiate: oggi la convivenza con il COVID è parte della nostra quotidianità. Una quotidianità che prevede il ritorno alla normalità in ogni campo: dalla scuola alle attività sociali e quindi anche a quelle ludiche. Certamente occorrerà prestare grande attenzione per garantire la reciproca tutela, ma la “non partecipazione” non è nel nostro DNA”. Così in una nota l’Ing. Francesco Gatti (nella foto), Bakoo Spa.

“Le motivazioni non sono solo di carattere commerciale ma si apre dinanzi una questione di natura culturale e sociale. La cultura, almeno la nostra, ci obbliga a comprendere, ad osservare, ad apprendere. Per utilizzare le conoscenze acquisite a favore, mai contro. Per trasferire ogni esperienza calandola nella quotidianità. E oggi la quotidianità si identifica nella convivenza con questo momento sanitario complesso. Non con le chiusure, ma con la convivenza: questa e la nuova cultura sanitaria. Perché il ritorno alla normalità passa sempre per la consuetudine. E la nostra consuetudine è continuare a lavorare, a crescere. Non è l’immobilità. Così come non può essere immobile questo settore. Il primo a chiudere, l’ultimo a riaprire. Certamente il primo a ritrovarsi. Un settore che, siamo certi, condivide la nostra semplice ma identitaria cultura. Bakoo SpA attenderà i visitatori ad ENADA 2020. Come sempre”.